Consiglio di Stato conferma legittimità concorso V. Sovrintendenti
 

SIULP provinciale Bari

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Notizie dal mondo SIULP Consiglio di Stato conferma legittimità concorso V. Sovrintendenti

Consiglio di Stato conferma legittimità concorso V. Sovrintendenti

E-mail Stampa PDF
(0 voti, media 0 di 5)

Ci sono pervenute richieste di chiarimento in ordine ad iniziative legali tese ad invalidare il maxi concorso per vice sovrintendente, sostenendo l’illegittimità della procedura perché in violazione del principio dello scorrimento delle graduatorie degli idonei ai precedenti concorsi per vice sovrintendente. Al riguardo, teniamo a ribadire che la regola della preferenza per lo scorrimento delle graduatorie in luogo della indizione del concorso, salvo esplicita motivazione, non è automaticamente applicabile alle selezioni per  le  progressioni  di  carriera  all’interno  delle  pubbliche amministrazioni.

Questo principio è stato, in ultimo, affermato dal Consiglio di Stato (Sezione Terza) che, con la Sentenza del 21 marzo 2016 N. 01120/2016, ha definito il giudizio di appello nei confronti della sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio - Roma - 10 marzo 2015 n. 03957, mettendo una pietra tombale sul tentativo di invalidare il maxi concorso a vice Sovrintendente ancora in corso di svolgimento. La questione di fatto riguardava alcuni colleghi che avendo partecipato a precedenti concorsi interni per l’accesso al corso di formazione per la nomina a vice sovrintendente - dopo aver conseguito l’idoneità, hanno agito in giudizio, chiedendo il risarcimento e l’annullamento del bando di concorso, per titoli di servizio a 7.563 posti per l'accesso al corso di formazione professionale per la nomina alla qualifica di vice sovrintendente del ruolo dei sovrintendenti della Polizia di Stato, indetto con decreto del Capo della Polizia, prot. n. 333- b/12.O.5.13/12796 pubblicato sul Bollettino Ufficiale del personale del Ministero dell’Interno, Supplemento straordinario n. 1/33bis in data 23/12/2013, nonché degli altri atti presupposti e conseguenti.

Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio con la sentenza 10 marzo 2015 n. 3957, rigettava il ricorso, ritenendolo inammissibile, per una parte, e infondato con specifico riferimento alla pretesa principale dei ricorrenti, che, avendo conseguito l’idoneità in precedenti concorsi interni per l’accesso al corso di formazione per la nomina a vice sovrintendente, invocavano l’applicazione, al caso di specie, del principio di preferenza per lo scorrimento delle graduatorie rispetto alla indizione di un nuovo concorso.

Il Consiglio di Stato ha respinto l’appello proposto dai ricorrenti soccombenti in primo grado confermando la sentenza del TAR Lazio. Ma veniamo alle motivazioni della Sentenza del Consiglio di Stato che sono importanti per comprendere appieno il senso di un contenzioso sulla cui impostazione quale avevamo più volte espresso perplessità.

Preliminarmente il giudici del Consiglio di Stato hanno rigettato tutte le censure con cui si contestavano le modalità di svolgimento del concorso, i punteggi, i requisiti soggettivi, le riserve di posti, i costi di svolgimento, ritenendole eccentriche rispetto alla pretesa dello scorrimento delle precedenti graduatorie ad eccezione di quella del 2012 che comunque non ha coperto che una quota parte dei posti), l’inammissibilità discende, secondo l’alto consesso, dal fatto che le contestazioni riguardano scelte riservate alla discrezionalità tecnica ed amministrativa del Ministero dell’interno, e non sono sostenute dal necessario interesse ad agire. Solo per “completezza espositiva” il Collegio evidenzia che sono completamente infondate le censure relative alla violazione dell’obbligo di motivazione per la indizione del nuovo concorso in luogo dello scorrimento delle graduatorie - per violazione e/o falsa applicazione degli artt. 4, commi 3 e 4, del d.l. 31/8/2013 n. 101, convertito nella l. 30/10/2013 n. 125 e delle conformi indicazioni interpretative delle norme preesistenti già stabilite dalla sentenza dell’Adunanza Plenaria 28 luglio 2011 n. 14 - nonché le connesse doglianze relative alla violazione o falsa applicazione dell’art. 2, comma 5, lett. b), del decreto-legge n. 227/2012 convertito dalla legge n. 12/2013, nei limiti in cui gli appellanti sostengono che la loro corretta applicazione avrebbe comportato lo scorrimento delle graduatorie degli idonei e non lo svolgimento di un nuovo concorso.

Al Riguardo, i giudici amministrativi osservano che secondo la giurisprudenza prevalente del Consiglio di Stato “le disposizioni dell’ art. 4, commi 3 e 4, del d.l. n. 101, del 2013, convertito nella legge n. 125 del 2013 e le conformi indicazioni interpretative delle norme preesistenti già stabilite dalla citata sentenza dell’Adunanza Plenaria n. 14 del 2011 si applicano solo alle procedure concorsuali previste all’art. 35 del d.lgs. n. 165/2001, le quali si riferiscono esclusivamente alla “assunzione” nelle pubbliche amministrazioni e prevedono procedure concorsuali che devono garantire in misura adeguata l'accesso dall'esterno oltre alle altre condizioni previste dal comma 3 dello stesso art. 35 in conformità ai principi del pubblico concorso””.

È quindi evidente che le proroghe delle graduatorie vigenti e i principi di diritto e le successive disposizioni legislative che prevedono la preferenza per lo scorrimento delle graduatorie vigenti in luogo della indizione del concorso, salvo esplicita motivazione, non sono automaticamente applicabili alle selezioni per le progressioni di carriera all’interno delle pubbliche amministrazioni, ancorché esse siano organizzate in forma concorsuale. I giudici del Consiglio di Stato aggiungono, poi, che, anche volendo sostenere il diverso orientamento che ritiene applicabile in termini di principio la preferenza per lo scorrimento delle graduatorie oltre i limiti delle procedure concorsuali di cui al richiamato art. 35 relativo ai pubblici concorsi per l’assunzione nelle pubbliche amministrazioni, la esclusione della applicabilità dei suddetti principi in tema di scorrimento delle graduatorie sarebbe confermata anche in questo caso sulla base dei chiari criteri fissati dalla Adunanza Plenaria nella richiamata sentenza dell’Adunanza Plenaria 28 luglio 2011 n. 14. Questa sentenza stabilisce che la previsione legislativa della necessaria periodicità delle procedure concorsuali esclude l’applicabilità del principio di preferenza per lo scorrimento delle graduatorie.

La necessaria periodicità del concorso in questione è intrinseca alla logica stessa di una procedura selettiva applicata alle progressioni di carriera su basi di merito, le quali devono (per la logica e la ratio che le ispira e per rispetto del principio di parità di trattamento) restare aperte alla platea dei potenziali candidati mano a mano che maturino le anzianità secondo una periodicità regolare. Proprio in base alla sua necessaria periodicità il concorso è sottratto anche all’obbligo di specifica autorizzazione ai sensi dell’art. 35, comma 4. Si può aggiungere che anche questo aspetto esclude l’applicabilità dei principi di diritto di cui si discute ed in particolare delle disposizioni dell’art 4, comma 3, lettera b), del decreto - legge n. 101/2013 convertito nella legge n. 125/2013, che si riferiscono esclusivamente a nuove procedure concorsuali che richiedono l’autorizzazione ai sensi del medesimo articolo 35, comma 4. Alle stesse conclusioni conduce, peraltro, anche l’esame puntuale e letterale della normativa che disciplina a regime le modalità di svolgimento del concorso prevista dall’articolo 2 del d.lgs. n. 53 del 28 febbraio 2001 che, al comma 1, prevede la ripartizione dei posti mediante percentuali volte ad equilibrare e contemperare la valutazione dell’anzianità con quella del merito e al comma 5 prevede la possibilità di scorrimento delle graduatorie solo per compensare le vacanze tra le due quote fino alla data di inizio del corso di formazione. Infatti, osserva il collegio, all’art. 2, comma 1, del d.lgs. n. 53 già citato, le lettere a) e b) prescrivono che la provvista dei posti disponibili da ciascuna lettera considerata sia calcolata e ripartita “ogni anno”. È chiaro che il computo e la ripartizione annuale dei posti sconta almeno la previsione che lo svolgimento del concorso sia almeno di norma annuale e comunque periodico. Sulla base della richiamata sentenza dell’Adunanza Plenaria n. 14 il carattere periodico del concorso esclude o quanto meno riduce al minimo l’obbligo di motivazione per la indizione del concorso. La stessa sentenza precisa, infatti, che la motivazione in tali casi può essere limitata al richiamo delle norme che prescrivono la periodicità, potendosi considerare ridondante una ulteriore motivazione, fa applicazione di questo principio allo stesso caso al suo esame. Il comma 5 del citato art. 2 prevede, inoltre, una specifica e ben delimitata modalità di scorrimento delle graduatorie degli idonei in relazione alla necessità di compensare le vacanze tra le due quote previste dal comma 1, lettere a) e b), che è possibile solo fino all’inizio del corso di formazione.

Anche questo elemento testuale e il limite temporale che esso fissa tende ad escludere altre forme di scorrimento delle medesime graduatorie. Secondo il Consiglio di Stato, non possono essere condivise neppure le censure che sostengono la illegittimità del bando di concorso per la violazione delle prescrizioni di cui all’art. 2, comma 5, lett. b), del decreto-legge n. 227/2012 convertito dalla legge 12/2013, sotto il profilo che sarebbe stato violato l’obbligo di adottare procedure semplificate nonché il divieto di determinare nuovi o maggiori oneri a carico del bilancio dello Stato. Invero, la norma di cui all’art. 2, comma 5, lett. b), consente esclusivamente procedure e modalità concorsuali semplificate e non lo scorrimento delle graduatorie, che non è in nessun modo contemplato dal testo normativo. Parimenti infondata viene ritenuta la censura relativa alla violazione del divieto di maggiori oneri dal momento che con la espressione “nuovi o maggiori oneri” si intende far riferimento al parametro costituito dagli oneri già contemplati in bilancio nella determinazione delle poste di bilancio “a legislazione vigente”.

Gli oneri di un concorso previsto come necessario e periodico dalla legislazione vigente sono già inclusi nelle ordinarie poste di bilancio, sicché l’espressione “senza nuovi o maggiori oneri” nell’economia della norma in questione sta a significare che la semplificazione non può avvenire con maggiori oneri rispetto allo svolgimento ordinario del medesimo concorso secondo la disciplina legislativa previgente (come  ad  esempio  potrebbe  avvenire  adottando  modalità  rapide  ma  particolarmente costose).

Commenti

Per esprimere un commento devi loggarti.