Diritto al compenso per lavoro straordinario
 

SIULP provinciale Bari

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Notizie dal mondo SIULP Diritto al compenso per lavoro straordinario

Diritto al compenso per lavoro straordinario

E-mail Stampa PDF
(1 voto, media 5.00 di 5)

Alcuni colleghi ci scrivono per segnalarci una sentenza del 2015 (nr, 417/2015) con la quale il TAR Marche ha accolto il ricorso di un gruppo di carabinieri in servizio presso il Comando Legione Carabinieri Marche, i quali reclamano l’indennità di lavoro straordinario sin dall’anno 2002, per aver reso la propria attività lavorativa oltre il normale orario di lavoro settimanale (di 36 ore), per interi turni di almeno sei ore, in giornate originariamente destinate al riposo o di domenica o in festività infrasettimanali. Secondo il citato Giudice Amministrativo ”Detta indennità (di compensazione n.d.r.) ha la funzione di remunerare il disagio connesso alla prestazione dell’attività lavorativa in una giornata destinata al riposo e quindi non incide sul computo dello straordinario, che avviene su base settimanale.

Pertanto, poiché l’orario di lavoro settimanale è suddiviso in 6 ore giornaliere, le ore di servizio dalla prima alla sesta, ancorchè prestate in giornate destinate al riposo, non sono considerate straordinario, ma vengono remunerate con la corresponsione dell’indennità in parola, fermo restando il recupero del riposo settimanale o della festività infrasettimanale. I giudici del TAR Marche hanno, tuttavia, ignorato il contenuto della legge 27 dicembre 2013, n. 147 la quale ha disposto (con l'art. 1, comma 476) che "L'articolo 10, comma 3, del decreto del Presidente della Repubblica 11 settembre 2007, n. 170, e l'articolo 11, comma 8, del decreto del Presidente della Repubblica 13 giugno 2002, n. 163, si interpretano nel senso che la prestazione lavorativa resa nel giorno destinato al riposo settimanale o nel festivo infrasettimanale non da' diritto a retribuzione a titolo di lavoro straordinario se non per le ore eccedenti l'ordinario turno di servizio giornaliero.

Sono fatti salvi gli effetti delle sentenze passate in giudicato alla data di entrata in vigore della presente legge". Si tratta di una “interpretazione autentica” dei Decreti del presidente della Repubblica 170/07 relativo alle Forze di Polizia e 163/02 relativo alle Forze Armate, disponendo che le prestazioni di servizio nel giorno destinato al riposo settimanale o festivo infrasettimanale non danno diritto alla retribuzione per lavoro straordinario se non per le ore eccedenti il normale orario di servizio giornaliero. Appare evidentemente che la citata sentenza, alla luce della novella normativa introdotta dal governo ad hoc per frenare questo tipo di contenzioso, appare una novità nonostante la stessa deve passare ancora al vaglio degli ulteriori gradi di giudizio che la potrebbero riformare.

In merito rammentiamo che l’argomento è stato già trattato dalla Segreteria Nazionale Siulp all’interno dell’edizione nr. 43 del Flash Nazionale del 2 novembre 2013, visionabile nella apposita sezione del sito web www.siulp.it . In merito occorre far presente che la 4 sezione del Consiglio di Stato con Ordinanza nr. 2062 del 27 aprile 2015 ha eccepito la illegittimità costituzionale dell’art. 1 comma 476 della L. 27 dicembre 2013 n. 147. Sulla predetta questione di legittimità costituzionale, si pronuncerà nell’udienza del 6 aprile 2016 la Corte Costituzionale.

Per il resto, stante la situazione dei ricorsi e l’eccezione di illegittimità costituzionale mossa dal Consiglio di Stato, parrebbe ovvio che alla luce del contenuto dell'art. 1, comma 476 della legge 27 dicembre 2013, n. 147 diventano inutili le sentenze favorevoli emanate in precedenza dal Giudice Amministrativo nonché tutti i procedimenti avviati ed ancora sub iudice, con la conseguenza che, allo stato attuale, ulteriori contenziosi in materia sono superflui sino al pronunciamento della suprema Corte Costituzionale. Delle decisioni della Suprema Corte ci riserviamo di riferire su queste pagine. 

Commenti

Per esprimere un commento devi loggarti.